Per informazioni chiama allo 045 532760 o richiedi una consulenza

Linfodrenaggio manuale

linfodrenaggio

Il massaggio linfatico, è una metodica di massaggio per viso e corpo, utilizzata in ambito medico, fisioterapico ed estetico, per la cura e la prevenzione delle patologie e degli inestetismi che riguardano il sistema linfatico.

E’ particolarmente efficace in caso di edema, ritenzione idrica, insufficienza venosa e cellulite.

Il linfodrenaggio, tramite stimolazione normale e’ capace di rimuovere ristagni liquidi accumulati negli spazi interstiziali e favorirne un corretto deflusso all’interno dei vasi linfatici ovvero promuovere lo scorrimento della linfa all’interno della circolazione linfatica costituita da una fitta rete di vasi.

La linfa è una sostanza prodotta dai capillari sanguigni, (formata prevalentemente da acqua, sali minerali e proteine), che scorre unilateralmente tra cellula e cellula verso il circolo sanguigno attraverso stimoli contrattivi muscolari e che ha il compito di ripulire l’organismo dalle scorie, come cellule morte, virus, liquidi in eccesso.

Durante il suo percorso, che si svolge a senso unico dal basso verso l’alto, raccoglie elementi di scarto a livello interstiziale potenziando l’azione del circolo venoso, per poi veicolare il tutto verso organi incaricati alla depurazione come  ad esempio il fegato o nelle stazioni linfonodali deputate all’attivazione di meccanismi difensivi in caso di aggressione da agenti patogeni.

INDICAZIONI DEL MASSAGGIO LINFATICO MANUALE

Il linfodrenaggio è un sistema di massaggio dolce, non invasivo, molto adatto alle donne in gravidanza e in tutti i casi di fragilità capillare. Agendo beneficamente sul gonfiore, è altamente consigliato nei giorni che precedono e seguono il ciclo mestruale.

Può essere effettuato senza controindicazione alcuna dopo interventi chirurgici ed estetici.

VANTAGGI

  • Rafforza il sistema immunitario
  • Allevia pesantezza e gonfiore dovuti a congestione di liquidi
  • Efficace contro la cellulite
  • Favorisce il rilassamento alleviando lo stress
  • Riduce rigonfiamenti ed ematomi dovuti ad interventi chirurgici
  • Può aiutare in caso di sinusite cronica e mal di testa
  • Aiuta a smaltire i residui di farmaci assunti per lungo periodo
  • Aiuta chi soffre di malattie autoimmuni

DISTURBI LEGATI AL SISTEMA LINFATICO E SINTOMI

I sintomi legati all’apparato circolatorio linfatico sono

  • Ritenzione idrica, edema su piedi, caviglie, regione interna del ginocchio, mani, zona perioculare (occhiaie e borse), con conseguenti rallentamenti del circolo emo-linfatico, senso di pesantezza alle gambe.

Disturbi del sistema sanguigno

  • Teleangiectasie con capillari sfiancati molto evidenti sia sul viso (couperose su naso e guance) che sul corpo (coscie, caviglie)
  • Rallentamenti della circolazione venosa, con problematiche alle vene safene e possibilità di comparsa di vene varicose regione dorsale del piede, zona perimalleolare, re3gione posteriore del ginocchio.
  • Disturbi del tratto intestinale, con coliche, stipsi ed emorroidi
  • Disturbi dei tessuti in particolar modo del tessuto sottocutaneo.
  • Pefs (cellulite), con il tipico inestetismo che va dalla pelle a buccia d’arancia alla cute a materasso e smagliature, causa lo stasi emolinfatico e lo scarso apporto di ossigeno nei tessuti.

CONTROINDICAZIONI

  • Insufficienza cardiaca
  • Malfunzionamenti renali o epatici
  • Asma e bronchiti croniche acute
  • Flebiti, trombosi in atto
  • Edema cardiaco
  • Infezioni cutanee
  • Ipotensione
  • Ipertiroidismo
  • Tumori

In questi casi, consultare prima medico specialista.

Per un risultato sia curativo che estetico, è consigliabile ciclo di 10 sedute  (1 a settimana) almeno 2 volte l’anno.